Mister Ok, il signore del Tevere

Tutti quelli che abitano a Roma e non solo, conoscono Mister Ok che sul Tevere dà spettacolo ogni anno col suo Tuffo tradizionale il 1 Gennaio. Maurizio Palmulli, il vero nome dietro al folle tuffatore, è diventato un’ icona della Capitale ed è famoso ormai in tutto il mondo. Conosciamolo meglio!

Il tuffo di Mister Ok nel Tevere che si ripete da trent’anni

Era il 1 Gennaio 1989 quando Mister Ok eseguì il suo primo tuffo nel Tevere. Era in compagnia di due esperti tuffatori dell’ epoca, Spartaco Bandini e Aldo Corrieri: «Volevo guardarli tuffarsi per imparare, ma loro furono categorici: prima gli ospiti! » — ride Mister Ok ricordando quei momenti prima del balzo che avrebbe dato vita alla sua leggenda.

All’ epoca i tuffi erano illegali, e i tre si beccarono una salatissima multa di 25.000 lire per la bravata, eppure quel tuffo nel Tevere è ancora oggi qualcosa che tutti gli abitanti della Capitale attendono con ansia, diventato ormai un segno di buon auspicio per l’anno nuovo.

Mister Ok al Tevere non rinuncia nemmeno a 65 anni

Anche se non è più quel ragazzo incosciente che era nell’ ’89, Mister Ok al Tevere proprio non vuole rinunciare. Nonostante i suoi 65 anni il bagnino di Ostia non si arrende ed è già pronto a replicare l’ impresa che nel 2018 lo ha visto spegnere 30 candeline, anche nel 2019.

«Lo faccio per il popolo di Roma, per sensibilizzare tutti alla cura del fiume, per lo spettacolo che diverte e che ormai è un pezzo della Capitale» Ha dichiarato recentemente Maurizio, reduce dal tuffo di Natale a Budapest.

Ma il buon baywatch romano non ha risparmiato le critiche nemmeno alla sindaca Raggi: «Oggi fa male vedere il Tevere ridotto così, baraccopoli, rifiuti… per guida’ ‘sta città ce vole er core» ed ha aggiunto: «Era assente al nostro spettacolo e non vi dico com’erano ridotte le sponde».

Polemiche a parte, Mister Ok eseguirà il suo spettacolare tuffo da Ponte Cavour come ogni anno, andrete a vederlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *