Depressione, come riconoscerla

0

La depressione è un disturbo clinico riconosciuto che può colpire chiunque in qualunque periodo della propria vita. Chi ha parenti o amici che ne soffrono, sa perfettamente quanto questa patologia possa divenire grave e devastante per la vita di chi è costretto a conviverci. In questo articolo vi daremo alcuni suggerimenti per cercare di riconoscerne i sintomi e darvi quindi modo di agire di conseguenza prima che la situazione divenga troppo pesante.

Bisogna premettere che la depressione si manifesta in maniera sempre differente a seconda dei soggetti e può avere intensità più o meno marcate. Va anche sottolineato il fatto che tale disturbo può avere due tipi di origine, biologico o psicologico; è stato infatti dimostrato che alcuni soggetti sono geneticamente predisposti alla depressione, anche se questo non significa necessariamente che finiranno per ammalarsi, poichè se non si verifica un fattore scatenante e se le condizioni dei rapporti sociali sono buone, il soggetto potrebbe non incappare mai in questa patologia nonostante un’ eventuale predisposizione.

Il fattore biologico e quello psicologico spesso si intrecciano fra loro e portano il paziente a chiudersi, allontanando parenti e amici, poichè egli comincia ad avere una visione distorta della realtà, in cui ogni sua azione è un fallimento. Questa condizione può progredire esponenzialmente portando chi soffre di depressione a pensare addirittura al suicidio.

Come già enunciato la depressione colpisce indistintamente adulti e bambini e purtroppo non è facile prevederla, ma negli anni sono stati sviluppati modelli bio-psico-socio-comportamentali che permettono di fare alcune previsioni abbastanza accurate per diagnosticare in tempo lo svilupparsi della malattia.

Alcuni sintomi generali che permettono di riconoscere la depressione possono essere: l’allontanamento del soggetto da amici e parenti, l’isolamento, la poca voglia di fare, la stanchezza cronica, l’ insonnia, il continuo incolparsi dei fallimenti, il non provare più piacere nelle attività che prima lo davano, e via discorrendo.

Questi segnali possono presentarsi dopo lutti o esperienze forti che alterano il normale equilibrio mentale di chi ne è colpito. Monitorare questi eventi e non abbandonare chi ne è soggetto è il primo passo per aiutarlo a guarire dalla depressione. L’ aiuto di esperti divine fondamentale per alcune terapie come la TCC o l’impiego di farmaci che hanno dimostrato una certa efficacia.

Share.

About Author

Leave A Reply